venerdì 26 febbraio 2010

Purea di fave e cicoria!










Partecipo al contest che riguarda le ricette della Puglia e Basilicata, chiunque può partecipare, avete tempo fino al 28 Febbraio.




I prodotti per preparare i piatti del contest li potrete comprare a casa vostra, oppure li trovate sul sito di Angela con uno sconto del 10%.




Tra i blog di cucina che amo di più, c'è quello di P@oletta e quando ho letto del contest organizzato in collaborazione con Angela, di Sapori dei Sassi, ho deciso di parteciparvi.

Come molti sapranno, sono pugliese, precisamente della provincia di Taranto, Carosino, amo la mia terra: gli alberi d'ulivo, secolari e imponenti, con i tronchi nodosi dalle radici profonde, le cui origini hanno tanto da raccontare, il cielo blu e il mare meraviglioso che ci contraddistingue... i piatti sono un connubbio tra i prodotti della terra e del mare, da sempre nella nostra famiglia prepariamo le famose orecchiette con le cime di rapa o la pepata di cozze, il vope fritto, i cardoncelli gratinati, ma se c'è un piatto semplice e buono dal sapore tipicamente contadino è la purea di fave secche con cicoria.
Nella cucina di mia madre, ogni lunedì era un'appuntamento fisso, c'era questo piatto fumante, da mangiare subito, sembrava una festa nella sua semplicità: ad accompagnare il piatto, c'erano le cicorie raccolte nei campi, mi ricordo le passeggiate con mia madre ed io, ancora adesso, che con difficoltà non so riconoscere a colpo le cicorie dalle altre verdure selvatiche... dicevo ad accompagnare il piatto, ci sono anche i peperoni verdi fritti con pomodoro fresco e il buon pane cotto a legna, ve lo propongo per il suo sapore immediato e straordinario.

Purea di fave con cicoria
dosi per 2 persone

200 g. di fave secche,
una patata piccola,
acqua, sale,
olio extravergine d'oliva, qui :http://www.saporideisassi.it/6-olio-extravergine-d-oliva



La sera prima mettere in ammollo 200 gr. di fave secche, il giorno dopo, sciacquare le fave e disporle in un pentolino, aggiungere una patata piccola tagliata a tocchetti, versare acqua
fino a superare le fave di due dita, cuocere a fiamma dolcissima, mia madre non mescola mai le fave, ci si accorge della cottura solo quando assaggiando le fave si saranno ammorbidite e l'acqua sarà stata assorbita. Se durante la cottura, le fave sono ancora crude e l'acqua si sarà consumata, aggiungerne dell'altra, bisogna saper dosare il quantitativo di acqua perchè se è eccessiva viene una purea liquida, di solito, se si parte con due dita sopra il livello delle fave non si sbaglia.
Quando le fave saranno cotte, insaporire, lasciar intiepidire e poi passarle al setaccio, di solito, quello a trama larga e poi in quello a trama piccola, in questo modo i grumi saranno stati passati e si otterrà una purea omogenea. Al momento di servirle, in un pentolino versare qualche cucchiaio di olio d'oliva extravergine, le fave e mescolare con un cucchiaio di legno fino a quando si saranno riscaldate, accompagnarle immediatamente con le verdure, precedentemente lavate, lessate e ripassate in padella con olio extravergine d'oliva e aglio.

La purea di fave si mangia in due modi, c'è chi mescola le fave con la verdura, di volta in volta, altri preferiscono i sapori distinti, mangiando una forchettata di purea e di fave separatamente, io preferisco mescolare, in questo modo i sapori si armonizzano incredibilmente... indovinate cosa ho preparato per oggi?

14 commenti:

Luciana ha detto...

Ottimo..io lo devo preparare la settimana prossima...a te è venuto benissimo, cremoso al punto giusto...un bacio Luciana

AbcHobby.it ha detto...

che bontà... ho appena finito di pranzare ma assaggerei volentieri!!

buon fine settimana
baci eli

Rox ha detto...

Ogni volta che leggo il tuo blog mi sembra ti tornare a casa mia ,in Puglia!!un grosso bacio,Rox

Angela ha detto...

Ciao Amalia e complimenti per la ricetta, la adoro. Grazie per aver partecipato al contest, ne sono davvero felice.
Volevo solo chiederti se gentilmente puoi sistemare il link al negozio che è errato (http://www.saporideisassi.it) e poi se puoi linkare almeno l'olio extravergine d'oliva (http://www.saporideisassi.it/6-olio-extravergine-d-oliva).
Lo richiedeva il regolamento...
Grazie mille ancora! Un bacione!

EleVi ha detto...

Mmm,mi sa che ti copio questa splendida ricettina!!!!

Anonimo ha detto...

mmmmm.....deve essere squisito questo piatto!!!! Mi è venuta l'acquolina in bocca. Lo proverò!
baci gabriella

Stefania ha detto...

Ciao Amalia , c'è una cosa per te ...ti aspetto...

Rosi Jo' ha detto...

Amalia, da dove inizio? Ma naturalmente dalla tua dolcezza. Grazie per il tuo tenero interessamento, desidero fare una piccola precisazione, io sono cristiana evangelica e le missionarie che sono venute a casa mia non erano suore, ma era come se lo fosse.
Anche loro hanno fatto una scelta di vita importante, rinunciando a una loro propria famiglia e mettendosi al servizio dei bisognosi.
Io non sono settaria, ne tanto meno fanatica, dipendo da Dio e dalla sua Grazia misericordiosa. Lui conosce i suoi al di la delle apparenze e delle appartenenze.
Grazie per i link consigliati, appena posso li visiterò perché sono molto interessanti.
Questo piatto sembra delizioso!!!!!
Un abbraccio e un bacione a te e al tuo bellissimo Francesco. A presto Rosi!

raffa ha detto...

ciaoa amalia!!!c'e' un premio per te..un abbraccio...passa da me raffa

Lauradv ha detto...

Mi garba questo piatto, così rustico e così gustoso! Buona serata Lauradv

Daniela B. ha detto...

Sai che non sono mai stata in puglia?ma a leggere questo tuo post e le ricette buonissime di cui parli mi é venuta una fame e una voglai di visitare questa terra che deve essere veramente accogliente e stupenda!un abbraccio grande :-)

Mammagiramondo. ha detto...

Eh no cara. Dovevi mettere un avviso di non leggere all'ora di pranzo;)
Deve essere davvero delizioso. Io faccio le orecchiette (cioè la pasta la compro già fatta ;)) con le cime di rapa, le adoro!!!
proverò anche questa ricetta, tra l'altro a Firenze ci sono diversi negozi specializzati in specialità pugliesi.
Un buonissimo inizio settimana!

Anna ha detto...

Per una vegetariana come me questo piatto è delizioso!Nel mio blog ho un premio per te.Ciao.

Amalia ha detto...

Luciana: ciao Luciana, benvenuta nel mio blog, grazie per i complimenti, se provi la ricetta fammi sapere se ti è piaciuta, buona giornata!

Eli: ciao Eli, buona settimana anche a te!

Rox: perchè non partecipi anche tu alla raccolta, se non sbaglio la data doveva essere posticipata, ciao cara!

Angela: grazie Angela per essere passata di qui, spero di aver corretto nel modo esatto, altrimenti fammi sapere, ciao!

EleVi: provala, perchè è buonissima e poi faresti contento un pugliese come Antonio, ciao!

Gabriella: ciao carissima, quanto tempo, tutto bene? Ceci per te!

Stefania: ciao carissima... grazie!!!

Rosi Jò: la tua chiarezza, la tua onestà mi piacciono molto, è raro incontrare persone così. Ognuno è libero di professare il proprio credo e come scrivi tu stessa senza ledere la libertà degli altri è segno di grande intelligenza e apertura mentale.
Ti auguro buona settimana!

Raffa: grazie anche a te per queste espressioni d'affetto, un bacio!

Lauradv: ciao cara, se la provi mi fai sapere se ti piace, ciao!

Daniela B.: sarebbe bello incontrarsi, se mai capitassi, vienimi a trovare cara Daniela!

Mammagiramondo: se non dovessi trovare le fave secche, fammi sapere, serena giornata!

Anna: grazie anche a te, un bacione!