domenica 1 febbraio 2009

Alcuni libri per Francesco





















Ci sono libri che ti riportano indietro nel tempo, come Virgola di Bruno Lauzi e Sei forte Papà di Gianni Morandi, quante volte la cantavo da piccola e ieri sera, casualmente, spulciando nella libreria del mio paesino, è stato come fare un tuffo nel passato, neanche a dirlo, li ho subito presi per far conoscere le storie e le canzoni, perchè i libri sono corredati anche di cd, al mio piccolo.

Virgola, tra immagini e suoni, insegna l'amore per gli animali, in particolare per i cani, troppo spesso abbandonati a se stessi e maltrattati:

Virgola
Bruno Lauzi - Cantata da Jocelyn


Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Era il cane di un bambino di città
Mangiava sedano, fegato, riso con le vongole
ed era abituato come un vero marajà

Questa è la storia di un cane barbone
Abbandonato dal suo padrone
Il suo padrone si chiama Roberto
E a raccontarvela io mi diverto

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Era il cane di un bambino di città
Mangiava sedano, fegato, riso con le vongole
ed era abituato come un vero marajà

Questa è la storia di un cane barbone
Abbandonato dal suo padrone
Che l¹ha lasciato a dormire all¹aperto
Anche se è inverno e fa freddo di certo

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Era il cane di un bambino di città
Mangiava nespole, fragole, torta con le mandorle
Era più viziato del viziato dei pascià

Ma quando è l¹ora di andare in vacanza
E le automobili sono in partenza
Non c¹è più posto per il cagnolino
Così lo chiudono sul terrazzino

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Salta, ringhia ed ulula su tutta la città
Non ha più sedano, fegato torta con le mandorle
E se non l¹aiutano certo morirà

Ma dopo un giorno che lui si lamenta
Passa di lì un maresciallo pompiere
Con le sue scale raggiunge il terrazzo
Mentre il buon Virgola sembra già pazzo

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Ora che lo salvano chi lo tiene più
È lì che mugola, uggiola, va come una trottola
Lecca il salvatore che lo tiene stretto a sé

Questo pompiere è il papà di un bambino
Molto più buono di quel Robertino
Fa il bagno a Virgola, lo tratta bene
Gli fa le coccole, ci gioca insieme

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Non ha niente più del cane di città
Non mangia nespole, fragole, riso con le vongole
Ma non è mai stato più felice di così

Virgola Virgola con le orecchie a sventola
Non ha niente più del cane di città
Non mangia nespole, fragole, riso con le vongole
Ma non è mai stato più felice di così.



"Sei forte papà", invece, è una famosa canzone tradotta in immagini che ci fa capire quanto sia importante la presenza di un papà attento e premuroso alle richieste di un bambino, anche se a volte questo può creare un pò di scompiglio...



Sei forte papà

Mannaggia! possibile che tutte le volte che andiamo in campagna con la roulotte comincia a piovere, e i miei figli mi dicono:

Gli animali non hanno ombrello
e non portano mai il cappello
piove tanto e son bagnati
sono già tutti raffreddati.
Che si fa? Chi li aiuterà?

Quel gufo con gli occhiali che sguardo che ha.
Lo prendi papà? si!
La lepre in tuta rossa che corsa che fa!
La prendi papà? si!
Quel canarino si è ferito e non lo lascio qua!
Lo prendi papà? si!
Quel ghiro dormiglione sbadiglia di già!
Lo prendi papà? si!
Quel topo campagnolo trasloca in città!
Lo prendi papà? si!

Ma questa mia roulotte mi sembra l'arca di Noè, però ci sta, stringersi un po'!
Sei forte papà!

E questi poveri animali
ora che piove
non ho il coraggio
di abbandonarli cosi...

Quel picchio col martello che buchi che fa!
Lo prendi papà? si!
Quel grillo chiaccherone che chiasso che fa!
Lo prendi papà? si!
Ma questa mia roulotte mi sembra l'arca di Noè, però ci si sta, stringendosi un po'!
Sei forte papà!
stringendosi in po'!

5 commenti:

sil ha detto...

libri libri libri!! anch'io leggo sempre alle mie, penso sia importante
volevo dirti che ho buttato giù un disegno per il nostro sal, poi te lo mando... ho proprio voglia di partire!
Silvia

Amalia ha detto...

Sarà perchè adoro leggere, Francesco ha una biblioteca ben fornita, poi gli piace, prima di dormire, ascoltare le fiabe: è un rituale che lo accompagna da sempre, è un momento importante per rinsaldare il rapporto affettivo e poi così, si spera, s'infonda un pò di amore per la lettura.

sil ha detto...

è quello che spero anch'io!!!
grazie per l'incoraggiamento!!! sì sì ce la farò
è proprio hardanger: è un centrino preso dall'ultimo numero di Stella Hardanger, dove ho visto anche un vasetto di fiori che mi piace troppo... mi sa che farò anche quello prima o poi
buona serata e un bacio a Francesco
Silvia

ArcHant Alarch ha detto...

Quanti ricordi quelle canzoncine!
Io a Siria leggo poco o niente: se si tratta dei suoi librini devo leggere o rispondere alle sue domande a modo suo, se si tratta di fiabe, non mi si fila, e la sera...ogni scusa è buona per fare la matta e non dormire!
E si che mi piace: a Lori una paginetta alla volta le ho letto tutto Peter Pan e tante favole di fate e folletti...bò, magari devo aspettare che cresca un pochino...

Amalia ha detto...

Silvia: sarà un bel centrino, hai dei gusti raffinati!

Sonia: con l'età vedrai che anche Siria apprezzerà, ma nel frattempo anche le canzoncine possono aiutare tanto, ci divertiamo molto a cantare, ascoltare le canzoncine dello zecchino d'oro e ballare come matti!