martedì 20 gennaio 2009





















Ieri stavo riordinando alcune riviste, quando è saltata fuori questa poesia di Pablo Neruda, rileggerla mi ha fatto riflettere su alcune cose: a volte trascuriamo o diamo per scontato il vero significato della vita per rincorrere chissà quale meta.
La poesia dà voce all'inespresso che alberga in ognuno di noi, voglio condividerla con voi:

Lentamente muore


Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle
che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno
di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi e' infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza
per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette
almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o
della pioggia incessante.

Lentamente muore
chi abbandona un progetto
prima di iniziarlo,
chi non fa domande
sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde
quando gli chiedono
qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà
al raggiungimento
di una splendida felicita'.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto bella questa poesia e molto vera.
Ciao Amalia
Manu

Anonimo ha detto...

bella Amalia, purtroppo mi ci vedo, vedrò di migliorare
Grazie Gabriella

Annalisa ha detto...

Ciao Amalia, meglio tardi che mai, sono venuta ad augurarti un in bocca al lupo per questa avventura e il mio benvenuta nel mondo dei bloggher.
Ti ho inserita nei miei link così ti ritrovo con facilità, ciao ciao a presto.
Baci
Annalisa

ArcHant Alarch ha detto...

Bellissima.
Ha tutti i sapori della vita...
Che bello leggerti qui, uno spiraglio in più per conoscerti. :)

Lilly ha detto...

Mia dolcissima Amalia,
io amo Neruda e soprattutto questa bellissima poesia che conosco da tempo e la ritengo validissima e bellissima in tutti gli aspetti.
Auguroni per il blog! E' bello e delicato come te, come anche il nome che hai dato al blog! Complimenti davvero amicona mia!

Un bacione a te e al dolcissimo Francesco!

Lilly

sil ha detto...

ma daiiiiiiiii non ti immaginavo così! quando ti scrivo o ti leggo ho un'immagine in testa, e invece sei completamente diversa! mi ero fatta l'idea che fossi bionda, e moooolto più giovane di me, e invece sei mora e siamo vecchie uguali!
ora possa associare il tuo vero aspetto alle nostre mail
Francesco invece è bello come lo immaginavo
baci baci
Silvia